Powered by Max Banner Ads 
381

Autore: Circolo Sinistra Ecologia e Liberà “Enrico Berlinguer”

RIPUBBLICIZZIAMO VUS S.p.A. RIDIAMO ALL’AZIENDA UNA FORMA GIURIDICA DI DIRITTO PUBBLICO.

La gestione dell’acqua mai a privati, in coerenza con i risultati del referendum del 12 e 13 giugno scorso.

Il circolo territoriale di Sinistra Ecologia e Libertà “Enrico Berlinguer” di Spoleto-Campello-Castel Ritaldi-Montefalco è convinto che debba essere rispettata la volontà dei cittadini emersa dagli ultimi referendum in tema di pubblicizzazione degli enti che gestiscono il servizio idrico. Il percorso di ripubblicizzazione è stato effettuato pochi giorni fa dal comune di Napoli che sarà, così, la prima città ad intraprendere la trasformazione in azienda speciale, con un governo pubblico partecipato della società per azioni, che fino ad ora ha gestito il servizio idrico.

Chiediamo un governo pubblico partecipato dell’azienda, con un coinvolgimento attivo dei cittadini alla gestione dei beni comuni.

Non si può più nascondere che in tante parti del mondo, ormai, le più recenti trasformazioni del diritto hanno prodotto l’emersione, a livello costituzionale, giurisprudenziale e di politica del diritto, della categoria dei beni comuni, ossia delle cose che esprimono utilità funzionali all’esercizio dei diritti fondamentali, nonché al libero sviluppo della persona e che vanno preservate anche nell’interesse delle generazioni future.

I beni comuni, in primis l’acqua, sono direttamente legati a valori che trovano collocazione costituzionale. Essi devono essere messi fuori commercio perché appartengono a tutti e non possono in nessun caso essere privatizzati. L’acqua è, quindi, radicalmente incompatibile con l’interesse privato al profitto e alla vendita.

Al tempo stesso è ormai del tutto chiaro, nell’esperienza italiana, che le privatizzazioni hanno determinato, scarsa trasparenza nelle decisioni, forti incrementi delle tariffe e nessun beneficio per i cittadini in termini di qualità del servizio.

Il circolo di Sel “Enrico Berlinguer” ritiene che si debba strutturare la VUS attraverso un consiglio di amministrazione rappresentativo anche dei cittadini utenti del servizio, delle organizzazioni dei consumatori e delle associazioni ambientaliste e attraverso un comitato di sorveglianza rappresentativo anche dei dipendenti dell’azienda.

L’Umbria, e l’Italia tutta, a nostro avviso, dovrebbe seguire questo esempio per dare effettiva attuazione al voto referendario e alla volontà di 27 milioni di cittadini che si sono espressi a favore della gestione pubblica dell’acqua lo scorso 12-13 giugno.

Circolo Sinistra Ecologia e Liberà “Enrico Berlinguer”

Spoleto-Campello-Castel Ritaldi -Montefalco


 Powered by Max Banner Ads 

Lascia un commento

(richiesto)

(richiesto)

Puoi usare questi tag e attributi HTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Spoletocity: Registrato presso il Tribunale di Spoleto, con il numero 01/09. Direttore responsabile dal 1° nov/2011: Moreno Carlini (moreno@spoletocity.com)

Questo giornale è uno spazio di approfondimento e di incontro in cui tutti possono intervenire. Si pubblicano solo contributi firmati. Chi scrive un commento si assume la responsabilità delle proprie parole. In caso di contestazione i dati in nostro possesso, relativi alla violazione, verranno comunicati alle autorità competenti. L'invio di informazioni o documenti di qualsiasi natura si intenderà a titolo gratuito e attribuirà a Spoleto City il diritto illimitato e irrevocabile di usare, pubblicare, riprodurre ed eventualmente modificare detto materiale. Le immagini pubblicate nel sito, possono essere state prese da internet. Chi volesse chiederne la rimozione o sostituzione, potrà farlo contattando direttamente la redazione (info@spoletocity.com). Per qualsiasi comunicazione urgente, si può chiamare il 393 65 88 232. Per richieste commerciali: contattare cell. 348 772 14 14 (commerciale@spoletocity.com)

P.IVA 02271780542